tar umbria: sommario delle decisioni (sentenze e ordinanze collegiali) pubblicate tra il 1° gennaio e il 31 gennaio 2011 (dalla n. 1 alla n. 37)

 

(7) continua la pubblicazione dell'elenco sommario delle decisioni (sentenze e decreti decisori) pronunciate dal Tar Umbria; la pubblicazione, cui si provvede sulla scorta delle risultanze del "Registro dei Provvedimenti Collegiali" conservato nella Segreteria Generale del Tar - ufficio pubblicazione, ha cadenza mensile e dal mese di gennaio 2011 riguarda anche le ordinanze collegiali che seguono la stessa numerazione. 


Tar Umbria, 13 gennaio 2011, n. 1, sui presupposti necessari per qualificare in termini di gara un avvenuto affidamento ai fini di individuare - tra quelle previste dall'art. 15 del decreto legislativo 164/2000 in materia di liberalizzazione del mercato del gas - la disciplina transitoria suscettibile di applicazione; sulla potestà del singolo comune di bandire isolatamente la procedura per l'affidamento del servizio di distribuzione del gas anche in assenza dei criteri di gara e di valutazione dell'offerta, nonché della previa identificazione dei bacini ottimali di utenza ex art. 46-bis del d.l. 159/2007, convertito in legge 222/2007 ; sulla rilevanza non imprescindibile di una organizzazione sovracomunale di tale servizio;
 

Tar Umbria, 13 gennaio 2011, n. 2 (sentenza breve), sui presupposti necessari perchè il cittadino straniero possa conseguire il permesso di soggiorno secondo la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ex art. 1-ter della legge 3 agosto 2009, n. 102;
 

Tar Umbria, 13 gennaio 2011, n. 3, sulla decorrenza del termine d'impugnazione di un permesso di costruire da parte di terzo estraneo e sugli elementi necessari perché possa ritenersi integrata in capo a questi la piena conoscenza del permesso medesimo; sulla portata dell'art. 21 NTA del P.R.G. del comune di Terni che sottopone taluni interventi alla previa approvazione di un piano attuativo, sulla inderogabilità di tale disposizione anche nell'ipotesi in cui si tratti di intervento ricompreso in ambito già urbanizzato;
 

Tar Umbria, 13 gennaio 2011,  n. 4, in materia di procedure di selezione interna per la progressione verticale di dipendenti comunali (motiva in fatto);
 

Tar Umbria, 13 gennaio 2011, n. 5, sui requisiti in presenza dei quali va accordato all'appartenente alla Polizia di Stato il beneficio dei permessi mensili previsto dall'art. 33, comma 3, della legge 5 febbraio 19992, n. 104 (come modificato dagli articoli 19 e 20 della legge 53/2000) per l'assistenza al familiare disabile; sulla irrilevanza dell'omissione del preavviso di rigetto allorché l'amministrazione ai sensi dell'art. 21-octies, secondo periodo legge p., dimostri in giudizio che il contenuto del provvedimento non poteva essere diverso da quello in concreto adottato;
 

Tar Umbria, 14 gennaio 2011, n. 6, sulla natura tassativa delle condizioni di operatività dell'iscrizione nel registro provinciale delle imprese che esercitano attività di recupero di rifiuti non pericolosi in regime autorizzatorio c.d. semplificato ai sensi del d.m. 5 febbraio 1998, e sulla necessità di apposita autorizzazione ordinaria allorché tale attività ecceda in concreto dette condizioni;
 

Tar Umbria,  14 gennaio 2011, n. 7, disponendo in sede di giudizio di ottemperanza la nomina del commissario ad acta perchè provveda alla quantificazione ed al pagamento della somma dovuta a titolo di risarcimento danni per equivalente a seguito di occupazione d'urgenza di terreno ritenuta illegittima con sentenza passata in giudicato, evidenzia che trattandosi di ottemperanza ad un preesistente giudicato non rileva che l'art. 43 del D.P.R. 273/2001 sia stato dichiarato nelle more del giudizio (da Corte Cost., 8 ottobre 2010, n. 293) costituzionalmente illegittimo per eccesso di delega;

 

Tar Umbria, 14 gennaio 2011, n. 8, dichiara l'irricevibilità per tardività del ricorso riconoscendo che il termine d'impugnazione deve essere fatto decorrere dalla ricezione dell'atto alla sede legale secondo le risultanze dell'avviso postale di ricevimento che fa piena prova fino ad impugnazione di falso;
 

Tar Umbria, 14 gennaio 2011, n. 9, sulla portata della disciplina transitoria dell'accertamento di conformità contenuta all'art. 18, comma 1-bis, della legge r. Umbria 3  novembre 2004, n. 21, introdotto dall'art. 83 della legge r. Umbria 26 giugno 2009, n. 13 (che - al pari di quanto previsto dal comma 1 - impone esclusivamente la conformità "attuale" agli strumenti urbanistici vigenti e adottati); sulla persistenza della c.d. sanatoria giurisprudenziale, sulla sua rilevanza come principio fondamentale e sulla conformità a tale principio della disciplina della sanatoria "a termine" ex art. 18 legge r. 21/2004;
 


Tar Umbria, 19 gennaio 2011, n. 10, respinge il ricorso (trattasi del dispositivo della sentenza 24 gennaio 2011, n. 31);
 

Tar Umbria, 19 gennaio 2011, n. 11, dichiara irricevibili il ricorso principale e i primi motivi aggiunti, inammissibili i secondi motivi aggiunti (trattasi del dispositivo della sentenza 24 gennaio 2011, n. 32);
 

Tar Umbria, 19 gennaio 2011, n. 12, sulla idoneità del contratto di associazione in partecipazione a far conseguire in capo al partecipante ad una procedura di valutazione comparativa concorrenziale i requisiti prescritti dalla lex specialis della gara; sulla natura di concessione di servizio pubblico locale del servizio di gestione della piscina comunale e sulla inapplicabilità alla medesima del divieto previsto dall'art. 37 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, per i soli contratti pubblici;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 13, sulla idoneità dell'accertata negligenza nella custodia a costituire causa legittima di adozione del provvedimento interdittivo della detenzione di armi, sulla sufficienza a tal fine che il soggetto abbia dato prova di non essere del tutto affidabile per non aver adottato tutte le cautele necessarie alla sottrazione delle armi alla disponibilità di altre persone siano esse estranee, siano esse conviventi;


Tar Umbria,  20 gennaio 2011, n. 14 (sentenza breve), sui presupposti necessari perchè il cittadino straniero possa conseguire il permesso di soggiorno secondo la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ex art. 1-ter della legge 3 agosto 2009, n. 102;

 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 15 (sentenza breve), sui presupposti del provvedimento di foglio di via obbligatorio ex articoli 1 e 2 della legge n. 1423/1956, e sulla necessità che il medesimo sia adeguatamente motivato;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 16, sul carattere non recettizio del provvedimento contenente prescrizioni di tutela indiretta ex art. 45 del codice dei beni culturali e sulla(conseguente)  irrilevanza ai fini dell'esistenza o validità del medesimo della mancata comunicazione al destinatario; sulla natura non perentoria, in assenza di una espressa diversa previsione, del termine finale del procedimento; sulla discrezionalità tecnica che caratterizza il provvedimento di imposizione del vincolo indiretto e sui limiti in cui lo stesso è suscettibile d'impugnazione; sui limiti in cui l'amministrazione procedente è tenuta a motivare in ordine agli apporti collaborativi rimessi dagli interessati nel corso del procedimento;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 17, sulla necessità di prioritario esame del ricorso incidentale allorché questo si caratterizzi come rimedio "intedittivo" o "preclusivo";  sulla portata della inderogabilità dei costi relativi alla sicurezza, sulla incompletezza dell'offerta presentata in violazione di tale inderogabilità e sulle conseguenze di questa;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n.18, sulla motivazione del diniego del permesso di costruire, sulla natura non perentoria ma ordinatoria del termine entro il quale il responsabile del procedimento preordinato al rilascio del permesso di costruire deve concludere l'istruttoria e formulare la proposta di provvedimento;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 19, sulla insussistenza dell'obbligo di preavviso di rigetto e di motivazione dell'atto allorché all'atto emanando deve essere riconosciuta lanatura di atto amministrativo generale; sulla competenza della A.S.L. ad adottare i provvedimenti di estromissione di un sanitario dalle commissioni mediche incaricate di effettuare gli accertamenti sanitari relativi alle provvidenze di invalidità civile in ragione sia del fatto che l'art. 1 della legge 15 ottobre 1990, n. 295, dispone l'"inserimento organico" di tali commissioni presso la A.S.L., sia della sufficienza a tal fine dell'esistenza di un rapporto di servizio tra la A.S.L. medesima ed il sanitario;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 20, sui presupposti dei provvedimenti interdittivi in materia di armi e sulla inidoneità di accadimenti connessi a reati estranei al detta materia, ovvero a reati che non siano indice di una particolare propensione alla violenza, a giustificare di per sé detti provvedimenti, occorrendo in tali casi, ove vengano invocati, una rigorosa motivazione in ordine alla asserita sintomaticità;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 21, dichiara l'improcedibilità;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 22,  sui limiti in cui può essere impugnato il giudizio di mancata ammissione alla classe prima liceo in seguito al negativo esito degli esami di recupero nella sessione di settembre di V ginnasiale (e sulle conseguenze di tale impugnazione);
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 23,  sulla giurisdizione del G.A. in tema di procedura mediante pubblico avviso preordinata al conferimento da parte di un comune di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa; sull'obbligo - in ottemperanza ai doveri indicati all'art. 97 Cost. - di procedere alla valutazione del candidato anche quando si tratti di unico partecipante alla procedura;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 24, ordina in sede di giudizio di ottemperanza alla amministrazione il pagamento delle somme dovute in forza di decreto di riparazione del danno da ritardo giudiziario passato in giudicato, disponendo la nomina del commissario ad acta per l'ipotesi di inampimento;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 25, sulla giurisdizione dell'A.G.O. in ordine al diniego del Questore del permesso di soggiorno per motivi umanitari richiesto, ex art. 5, comma 6. del decreto legislativo 286/1998, all'esito del rigetto, da parte della Commissione territoriale competente, della domanda di riconoscimento dello status di rifugiato politico;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 26, sui presupposti necessari perché il cittadino straniero possa conseguire il permesso di soggiorno secondo la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ex art. 1-ter della legge 3 agosto 2009, n. 102 (motiva in fatto);
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 27 (sentenza breve), sui presupposti necessari perché il cittadino straniero possa conseguire il permesso di soggiorno secondo la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ex art. 1-ter della legge 3 agosto 2009, n. 102;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 28, dichiara l'improcedibilità;
 

Tar Umbria, 20 gennaio 2011, n. 29, ordina in sede di giudizio di ottemperanza alla amministrazione il pagamento delle somme dovute in forza di decreto di riparazione del danno da ritardo giudiziario passato in giudicato, disponendo la nomina del commissario ad acta per l'ipotesi di inampimento;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 30, dichiara l'improcedibilità;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 31, sul rilievo non formalistico né inutile della clausola del bando di gara che dispone l'esclusione dell'offerta per il caso di mancata allegazione alla offerta economica della fotocopia del documento di identità del sottoscrittore, costituendo tale allegazione nel sistema delle autocertificazioni (art. 38 D.P.R. 445/2000) un onere fondamentale;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 32, dichiara l'irricevibilità per tardività del ricorso (e dei motivi aggiunti) in materia regolata dall'art. 245, comma 2-quinques, del decreto legislativo 163/2006 nel testo introdotto dal decreto legislativo 20 aprile 2010, n. 53, ricordando come le modifiche legislative restrittive dei termini processuali si applichino ai giudizi pendenti, eccezion fatta solo per i termini in corso di computo così da evitare imprevedibili decadenze (come disposto dall'art. 2 "ulteriori disposizioni transitorie", allegato 3, titolo II c.p.a.);
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 33,  sui presupposti necessari perché il cittadino straniero possa conseguire il permesso di soggiorno secondo la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ex art. 1-ter della legge 3 agosto 2009, n. 102;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 34, sulla configurabilità in capo al proprietario di aree non comprese tra quelle incise direttamente dalle scelte di piano di un interesse ad impugnare il piano stesso; sulla natura ordinatoria di taluni termini previsti per l'adozione e approvazione del P.R.G. dalla legge r. Umbria 21 ottobre 1997, n. 31; sulla relazione gerarchica che intercorre nell'ordinamento urbanistico della regione Umbria tra "parte strutturale" e "parte operativa" del P.R.G. e sugli effetti di essa; sulla esclusione che la direttiva 2001/42/CE in materia di V.A.S. possa considerarsi self executing e sulle conseguenze che tale esclusione produce in ordine alla vigenza dell'obbligo di sottoposizione dei piani urbanistici a V.A.S.; sulla natura discrezionale delle scelte di piano e sulle situazioni in cui le stesse necessitano di particolare motivazione;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 35 (ordinanza collegiale), dispone incombenti istruttori;
 

Tar Umbria, 24 gennaio 2011, n. 36 (ordinanza collegiale), dispone incombenti istruttori;

 

Tar Umbria, 31 gennaio 2011, n. 37 (ordinanza collegiale), solleva la questione di legittimità costituzionale della disposizione contenuta all'art. 3, comma 3, della legge r. Umbria 14 agosto 1997, n. 28, nella parte in cui consente l'esercizio dell'attività di agriturismo alle sole strutture esistenti alla data di entrata in vigore della legge stessa (4 settembre 1997).

 

 




(si segnalano per l'interesse o la novità delle questioni trattate - ovvero per entrambe - le decisioni 1, 9, 16 e 34, nonchè l'ordinanza 37)




per il sommario delle decisioni pubblicate tra il 1° dicembre ed il 31 dicembre 2010 clicca qui

per il sommario delle decisioni pubblicate tra il 1° febbraio e il 28 febbraio 2011 clicca qui

 


per reperire le sentenze nel sito istituzionale della g.a. clicca qui



Visualizzazioni: 646

I commenti per questo post sul blog sono bloccati

© 2021   Creato da Osservatorio degli A.A.U..   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio